Incubatore di Terni

Azienda

Incubatore di Terni

La sede di Terni, operativa dal 1997, è situata nella zona industriale Sabbione, a pochi chilometri dal centro cittadino e ottimamente collegato al raccordo autostradale.
E' il primo incubatore di imprese nato in Umbria ed è stato realizzato con il contributo delle provvidenze specifiche della L. 181/89 a supporto delle aree di crisi siderurgica, contribuendo al processo di riconversione dell'area da una vocazione tradizionalmente legata alla siderurgia e alla chimica, in attività di ricerca, artigianali e di servizi qualificati.

 

La mission

L'incubatore è uno strumento di sviluppo territoriale: favorisce la nascita e la crescita di nuove imprese, produce nuova occupazione, sostiene l'economia locale e promuove specifici settori produttivi. L'obiettivo dell'incubatore è quello di supportare, in modo concreto, idee imprenditoriali innovative attraverso l'offerta di servizi logistici e consulenziali integrati, utili per sostenere le fasi di costituzione e di start-up di neo imprese o programmi di diversificazione ed ampliamento di imprese esistenti. E una struttura che accelera e rende sistematico il processo di creazione di nuove imprese mettendo a disposizione spazi fisici, servizi di supporto allo sviluppo del business, opportunità di integrazione e networking e di finanza agevolata.
L'erogazione di tali servizi e il contenimento delle spese derivante dalla condivisione dei costi e dalla realizzazione di economie di scala, fanno sì che l'incubatore d'impresa migliori in modo significativo la sopravvivenza e le prospettive di crescita di nuove start up.

 

La tematica

L'incubatore di Terni nel recente passato ha abbandonato l'ottica di una ospitalità generalista per indirizzarsi verso una incubazione più mirata e ispirata da un tematismo specifico nel campo dell'efficienza energetica.
Parallelamente le strutture di incubazione hanno assunto una connotazione più vicina a quella di un campus. Un luogo di aggregazione di imprese, dove in particolare sarà possibile interpretare le loro esigenze tecnologiche, incentivarne lo sviluppo di relazioni, indirizzare le azioni regionali a sostegno della ricerca e dell'innovazione. L'incubatore tende ad avere un ruolo di aggregatore di soggetti ponendosi al centro di una serie di relazioni che vedono quali attori qualificati le imprese tecnologiche, i centri di produzione del sapere, gli investitori.
La tematica dell'incubatore di Terni è connessa essenzialmente ad una partnership nata tra Sviluppumbria, RSE e GSE finalizzata alla realizzazione di un polo di aggregazione e ricerca sul tema dell'efficienza energetica, dal quale potranno gemmare ulteriori progetti che troveranno ospitalità all'interno del centro di imprese dando luogo a start-up ad elevato contenuto tecnologico.

 

La struttura e i servizi

L'incubatore di Terni mette a disposizione delle imprese un pacchetto di localizzazione a costi competitivi per supportare strategicamente le iniziative imprenditoriali composto da:

  • una sede operativa “pronta all'uso chiavi in mano” in quanto già perfettamente adeguata all'attività d'impresa e completa di una serie di facilities (distribuzione posta; portineria ed accoglienza visitatori; vigilanza notturna; parcheggio; manutenzione e pulizia delle aree comuni);
  • un complesso di servizi, variabile e personalizzabile in funzione delle esigenze, concepito per affiancare l'imprenditore dalla fase di elaborazione dell'idea progettuale fino alla sua realizzazione e per tutto il percorso di start up, mediante la fornitura di un pacchetto di servizi integrati di consulenza, formazione e finanza dedicata. 

Dal punto di vista strutturale l'incubatore è suddiviso in vari edifici destinati a quattro diverse tipologie di impiego:

  • Il centro servizi, di circa 800 mq comprende locali ad uso ufficio, reception, una sala convegni per 60 persone e 2 sale riunioni destinate a convegni ed attività di formazione a favore delle aziende ospiti o di altri eventuali utenti.
  • I laboratori "high tech" hanno una superficie complessiva di 1.250 mq destinati alla localizzazione di imprese innovative, a tecnologia avanzata o di servizi; sono suddivisi in 14 unità di varie dimensioni (da 64 a 156 mq) ma hanno caratteristiche di modularità che consentono una vasta gamma di soluzioni.
  • I laboratori di produzione hanno una superficie complessiva di 1.360 mq destinati alla localizzazione di attività manifatturiere, industriali o artigianali, suddivisi in 10 unità di 136 mq.
  • I laboratori industriali hanno una superficie complessiva di 1.080 mq  suddivisi in 4 unità di 270 mq e dotati di servizi autonomi.

 

Le modalità di accesso ai servizi

Le modalità di accesso ai servizi di incubazione sono definite in modo trasparente dal regolamento che prevede:
i requisiti di ammissione: microimprese, PMI manifatturiere e di servizi (escluse attività commerciali) in fase di start up o di pre-avviamento o che vogliono diversificare/ampliare l'attività;
modalità di presentazione della domanda di ammissione:mediante la compilazione di un format di domanda con il supporto metodologico del personale di Sviluppumbria;
criteri di valutazione delle domande:

  • valutazione della coerenza del profilo del proponente con l'idea,
  • cantierabilità del progetto,
  • validità tecnica,
  • validità economica e finanziaria dell'iniziativa;

Modalità operative del rapporto di incubazione:
stipula di un contratto standard di prestazione integrata di servizi che sancisce in modo univoco, tra l'altro, la durata del rapporto (tre anni estendibile a cinque), ed il contenuto dei servizi offerti.

Contatti


Sede Sviluppumbria Terni
strada delle Campore n. 13
05100 Terni
Tel. 0744 / 80601 - 0744 / 58542

Dr. Fausto Broccoletti
email: f.broccoletti@sviluppumbria.it

Dr.ssa Paola Paccara
email: p.paccara@sviluppumbria.it

Dr. Nicola Papi
email: n.papi@sviluppumbria.it